EUPL.IT for eGov
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Nuove procedure di acquisizione di software da parte della P.A.: le modifiche al CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale)

L’art. 68 del CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale – D.Lgs. 82/2005) disciplina le modalità e le procedure per l’acquisizione di software da parte della Pubblica Amministrazione , prevedendo l’analisi comparativa tra le diverse soluzioni espressamente indicate.

Recentemente, con la legge n. 134 del 7 agosto 2012 (di conversione con modifiche del decreto legge n. 83 del 22 giugno 2012 sulle modifiche urgenti per la crescita del Paese) è stata apportata una significativa modifica al predetto art. 68 del CAD.

L’acquisizione di software libero o a codice sorgente aperto (o il ricorso a soluzione già sviluppate all’interno della P.A.) è divenuta la regola, mentre l’acquisizione di software di tipo proprietario mediante licenza d’uso costituisce ora l’eccezione (il riferimento alle sole licenze d’uso appare tuttavia anacronistico, se si pensa alle altre modalità di fruizione del software: ASP, Cloud, etc.).

Si trascrive di seguito l’art. 68 CAD, nella versione previgente e nella versione attuale.

 Testo Previgente (fino all’11.08.2012)  Testo Vigente (dal 12.08.2012)
Art. 68. Analisi comparativa delle soluzioni Art. 68. Analisi comparativa delle soluzioni
1. Le pubbliche amministrazioni, nel rispetto della legge 7 agosto 1990, n. 241 , e del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 , acquisiscono, secondo le procedure previste dall’ordinamento,programmi informatici a seguito di una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra le seguenti soluzioni disponibili sul mercato: 1. Le pubbliche amministrazioni acquisiscono programmi informatici o parti di essi a seguito di una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra le seguenti soluzioni disponibili sul mercato:
a) sviluppo di programmi informatici per conto e a spese dell’amministrazione sulla scorta dei requisiti indicati dalla stessa amministrazione committente; a) software sviluppato per conto della pubblica amministrazione;
b) riuso di programmi informatici, o parti di essi, sviluppati per conto e a spese della medesima o di altre amministrazioni; b) riutilizzo di software o parti di esso sviluppati per conto della pubblica amministrazione;
c) acquisizione di programmi informatici di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d’uso; c) software libero o a codice sorgente aperto;
d) acquisizione di programmi informatici appartenenti alla categoria del software libero o a codice sorgente aperto;  d) software combinazione delle precedenti soluzioni.
e) acquisizione mediante combinazione delle modalità di cui alle lettere da a) a d). Solo quando la valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico dimostri l’impossibilita’ di accedere a soluzioni open source o gia’ sviluppate all’interno della pubblica amministrazione ad un prezzo inferiore, e’ consentita l’acquisizione di programmi informatici di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d’uso. La valutazione di cui al presente comma e’ effettuata secondo le modalita’ e i criteri definiti dall’Agenzia per l’Italia Digitale, che, a richiesta di soggetti interessati, esprime altresi’ parere circa il loro rispetto.

 

 


Una risposta a Nuove procedure di acquisizione di software da parte della P.A.: le modifiche al CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale)

  • Fernando scrive:

    Sono un cittadino e lavoro in una struttura privata. Dopo molti anni lo Stato si e’ deciso che anche nel digitale si puo’ risparmiare. Il Software libero noi lo usiamo da diversi anni e solo un paio di persone sono fossilizzate sull’uso di altro software. Occorre pero’ che i vertici siano consapevoli dei notevoli risparmi in questo campo, senza dimenticare, pero’, che risparmiare da una parte non significa spendere di piu’ altrove. Buon lavoro.

RSS European Commission Joinup

  • Report: over half of Spain’s regions now use SaaS 2016/07/29
    In 2014, 59% of Spain’s regional governments used Software as a Service, according to the 2015 eGovernment report published on 30 June by PAe, Spain’s eGovernment portal. Next most-used cloud computing service is Infrastructure as a Service (40%), and third is Platform as a Service (20%). ePractice read more […]
    Gijs Hillenius
  • Report: Austria can benefit from Big Data solutions 2016/07/29
    Data and privacy concerns should be a top priority Big Data solutions can contribute significantly to Austrian public administrations, a working group concludes in a report published in June. Benefits include improved quality of life, finding optimal business locations, and offering better guidance to citizens. The report by the Big Data working group aims t […]
    Gijs Hillenius
  • The Global Open Data Index to be updated 2016/07/28
    Open Knowledge International, a not-for-profit organisation that promotes openness and transparency, has decided to update the survey for its Global Open Data Index. This index measures Open Data publication in 122 countries. Open Government read more […]
    Cyrille CHAUSSON
  • France’s Insee and Drees publish microsimulation model to increase transparency 2016/07/28
    Insee (Institut national de la statistique), the French public agency for statistics, and Drees (Direction des études du Ministère des Affaires sociales et de la santé), which is in charge of surveys at the Ministry of Social Affairs and Health, has published the source code of the microsimulation algorithmic model called Ines. Open Government read more […]
    Cyrille CHAUSSON
  • Belgium mulls reuse of banking mobile eID app 2016/07/28
    The Belgium government wants to reuse ‘Belgian Mobile ID’ a smartphone app for electronic identification, developed by banks and telecom providers in the country. The eID app could be used for eGovernment services, and the federal IT service agency, Fedict, is working on the app’s integration. ePractice read more […]
    Gijs Hillenius